FESTIVAL VENEZIA: Nonunodimeno

La delegazione di NonUnodiMeno presente ufficialmente alla 74. Mostra del Cinema a Venezia in occasione della proiezione in anteprima del film inedito del 1965 con la presenza di Don Milani.

Il film verrà proiettato a Milano il 27 ottobre nel Convegno nazionale di formazione organizzato dall’Associazione NonUnodimeno e grazie alla collaborazione del Cidi nazionale che garantirà a docenti e studenti l’accredito formativo.

Il recupero integrale del materiale filmato girato dal regista Angelo D’Alessandro nel dicembre del 1965 a Barbiana, protagonisti don Lorenzo Milani e i suoi allievi, diventa l’occasione per far riemergere con forza l’attualità del messaggio del Priore a cinquant’anni dalla morte e ricordare a tutti la sua grande lezione. E un pensiero - concreto - di straordinaria organicità, che fanno di Milani un’esperienza intellettuale, radicale, utopica e politica, di livello almeno europeo. Ben oltre i confini di un piccolo paese, di una nazione, e del suo tempo.

Il regista D’Alessandro, l’unico a cui don Milani concesse di effettuare delle riprese della vita nella sua scuola per lasciare un documento ai suoi ragazzi, era salito a Barbiana per un’inchiesta sull’obiezione di coscienza a cui si era aggiunta la voce di don Lorenzo. Il filmato originale dell’epoca mostra alcuni momenti e aspetti fondamentali della Scuola di Barbiana: la scrittura collettiva, la lettura dei giornali, i ragazzi più grandi che insegnano a quelli più piccoli. Ma c’è anche il lavoro manuale svolto dai ragazzi (o la loro partecipazione alla Messa, in cui vediamo Don Milani sull’altare celebrare ma solo "per finta", per la macchina da presa, dopo una scelta consapevole e condivisa con il regista).

Intorno a queste immagini del 1965 si sviluppa il racconto con le testimonianze di Adele Corradi, l’insegnante che ha vissuto l’esperienza di Barbiana con don Lorenzo, di Beniamino Deidda, ex Procuratore Generale di Firenze che dopo la morte di don Lorenzo ha continuato a insegnare ai ragazzi della scuola di Barbiana, e Don Luigi Ciotti.

Scuola, Costituzione e Vangelo sono i tre pilastri su cui si sviluppa il pensiero milaniano, che trova il suo culmine nella lettura che don Lorenzo fa davanti alla macchina da presa della sua Lettera ai Giudici, il testo scritto per difendersi dalle accuse di Apologia di reato nel processo che lo attende a Roma.

Il filmato restituisce dunque con grande forza la voce e l’immagine di un uomo che oggi più che mai ripropone con forza il tema della coscienza e dell’obbedienza, della giustizia e della solidarietà, della scuola che deve permettere a tutti di diventare sovrani di sé stessi.

www.mymovies.it/film/2017/barbiana-65/

Commento del regista:

Dopo la scomparsa di mio padre ho cominciato a mettere ordine nel suo archivio e ho ritrovato la pellicola girata a Barbiana nel ’65. La visione del materiale e l’ascolto delle registrazioni mi hanno spinto a recuperare quell’esperienza. A poco a poco l’approfondimento è diventato un impegno cui non potevo derogare oltre, perché è don Milani in persona, con la sua voce, che parla al cuore e alla coscienza di ciascuno, per far diventare i suoi allievi dei cittadini veri, uomini capaci di ragionare con la propria testa. Era importante per me preservare quella testimonianza per rispetto delle intenzioni con cui era stata concepita da mio padre in accordo con don Lorenzo e con i suoi ragazzi.

* nella foto il regista D’Alessandro e Adele Corradi

#donmilani #mostravenezia #scuola

*video Corriere fiorentino

...........................................................................................................

Associazione Nonunodimeno: visita il nostro sito www.nonunodimeno.net - DONA ORA!

- Condividi e metti MI PIACE sulla pagina facebook:

www.facebook.com/associazionenonunodimeno/
-  segui su twitter: https://twitter.com/nonunodimeno #nonunodimeno Informazioni: info@nonunodimeno.net

Data ultima modifica: 6 settembre 2017