Lotto marzo 1946

L’8 marzo del Centro studi movimenti.

Al tempo del coronavirus... se non possiamo salire sugli autobus, possiamo almeno vederli passare... e allora che ci ricordino conquiste passate in vista di conquiste future!

Grazie a Giordano Maini di JacLeRoi per il lavoro grafico!

Ogni giorno l’immagine di un anno di conquiste importanti!

10 marzo 1946, per la prima volta nella storia italiana le donne esercitano il diritto di voto.

Nel video, tratto dal progetto di Rai Cultura, Storia d`Italia multimediale, del 1997, la ricostruzione di una tappa importante del percorso di lotta delle donne per l`emancipazione e la parità dei diritti. La guerra aveva sconvolto tutti gli equilibri della società: l’assenza degli uomini, impegnati al fronte, aveva imposto alle donne sacrifici inediti e gravose responsabilità, contribuendo a diffondere quella “cultura della responsabilità” il cui esito più prossimo fu la partecipazione femminile alla vita politica del Paese.

La proposta di De Gasperi e Togliatti di introduzione del voto alle donne, infatti, fu quasi priva di eco mediatica, venendo accolta dalla stampa piuttosto come un fatto scontato, tanto era chiaro ormai il contributo che le donne avevano saputo dare alla stabilità economica e sociale, oltre che familiare del Paese.

Il voto a suffragio universale, stabilito dal governo con un accordo di massima, fu poi perfezionato da un decreto d’attuazione il 31 gennaio 1945.

VIDEO QUI: Il voto alle donne

Data ultima modifica: 9 marzo 2020