20 09 2010 COORDINAMENTO STUDENTI: SI PREPARA IL NO GELMINI DAY PER L’8 OTTOBRE.

Milano , 19/09/2010 Appello alla MOBILITAZIONE il 29 settembre verso il

NO GELMINI DAY dell’8 ottobre!

dal Coordinamento dei collettivi studenteschi di Milano e provincia.

"La scuola italiana - dichiara la Gelmini - cambia e parte la riforma che era attesa da decenni. Viene finalmente completamente ridisegnata la struttura della superiore...". Al suono delle campanelle di inizio anno, sono queste le parole d’orgoglio della ministra...e c’è da dire che non ha nemmeno tutti i torti! In effetti la scuola è profondamente trasformata: basta guardare ai primi giorni di lezione, con classi che a Milano, nello specifico al Giorgi, arrivano a contenere più di 50 alunni con il risultato di essere costretti a seguire le lezioni in palestra, e con numeri di precari senza nomine e studenti senza professori che non hanno precedenti. E ancora scuole civiche, il Greppi di Quarto Oggiaro, svendute in toto a enti privati, e altre, come il Pacle, in via di smantellamento.

E ovviamente tante altre novità già preannunciate: il tetto massimo del 30% di alunni stranieri per classe, che solo a pronunciarlo fa venire i brividi (e poi chi sarebbero gli stranieri? Un ragazzo nero nato in Italia rientra nel tetto? Il metro di misura è il colore della pelle?); la nuova norma sulle assenze, con un massimo di 50, superato il quale scatta automaticamente la bocciatura, che sembra quasi un paradosso visto che è stata proposta dalla stessa MariaStella che quando era in carica nella giunta di Desenzano fu sfiduciata per numero di assenze.

Inoltre l’anno non poteva iniziare meglio che con l’apertura della scuola pubblica padano-leghista-xenofobo-indipendentista voluta dal sindaco di Adro: senza dubbio un’esagerazione per gli stessi ideatori di questa vergogna all’italiana. Infatti, dopo troppi giorni di silenzio/assenso, la ministra è stata finalmente costretta a "sconfessare" la scuola dei balilla verdi del bresciano. Una prima modesta ma importante vittoria per il movimento no-Gelmini, che già nelle prime mobilitazioni a caccia della ministra cantava: "No alle scuole della Lega, no alle scuole in cui si prega!".

Intanto però il crocefisso resta tranquillamente un’icona per la scuola pubblica italiana, e ci si chiede sempre dove sia finita l’istruzione laica e per tutti. La Gelmini d’altronde pochi giorni fa dichiarava la sua ferma intenzione a introdurre in tutte le aule una copia della Bibbia, impegnandosi per una scuola di tradizione fondamentalista-cattolica, mentre la geografia scompare quasi definitivamete , e diventa così ancora più difficile orientarsi in un pianeta sempre più meticcio: vogliono costringerci a restare indietro, chiusi nella paura del diverso, guardando intanto il mondo che va avanti, si mescola di culture, colori e tradizioni quanto più differenti. Quella che vogliamo noi è una scuola come luogo innanzitutto di crescita e scambio tra le differenze, che a maggior ragione in tempi di crisi, possa rispondere alle spinte autoritarie e xenofobe di ministri, sindaci &co, che invece predicano solo razzismo e intolleranza, educandoci a forza di ignoranza già dai banchi di scuola.

Dai primi di settembre migliaia di precari della scuola sono in moblitazione permanete, nelle scuole stanno ripartendo i collettivi e già una volta è stata sventata una "comparsa" della Gelmini a Milano, quando ha evitato di partecipare alla conferenza al Corriere per timore di contestazioni. Ora la cosiddetta riforma Gelmini è ufficialmente in vigore nei nostri istituti: è il momento di mobilitarsi, farlo il quanto prima, a partire dai collettivi delle singole scuole. Mobilitiamoci il 29 settembre in occasione dell’appuntamento europeo di mobilitazione contro il processo di Bologna e per la difesa dell’istruzione pubblica verso in NoGelmini Day dell’8 ottobre, ben consapevoli che l’angusta Italia è solo la copia (peggiorata) di un modello europeo che mira alla cancellazione del Welfare e colpisce il futuro di tutto il continente. Saremo nelle scuole e nelle vie della città con iniziative e mobilitazioni, assemblee, azioni per tutto l’arco della giornata: studenti al fianco di docenti precari e di ruolo, genitori e lavoratori dell’università. Intanto prepariamoci al No Gelmini Day l’ 8 ottobre a Milano: un grande corteo che dimostri ancora una volta che nelle scuole a Milano le politiche di ignoranza non hanno futuro. Da tutte le scuole di Milano e provincia saremo in piazza, ovviamente da L.go Cairoli, convinti che una scuola migliore è possibile e determinati a costruirla. Invitiamo tutti a partecipare numerosi giovedì 23 settembre all’assemblea pubblica del mondo della formazione presso il cs Cantiere, per condividere appuntamenti e moblitazioni, dentro e fuori le scuole, tra docenti e studenti.

COORDINAMENTO DEI COLLETTIVI STUDENTESCHI DI MILANO E PROVINCIA

MOBILITAZIONI & APPUNTAMENTI:

Tutti i giorni: mercatone studentesco anti-crisi e anti-gelmini del libro usato @ cantiere!

Mercoledì 22 settembre:
- Assemblea pubblica dei collettivi e degli studenti verso le prossime mobilitazioni h 15 @ Cantiere / Mercatone studentesco

- Presidio no-gelmini dei precari della scuola h17.00 @ Usp - via Ripamonti

Giovedì 23 settembre @ mercatone del libro usato / Cantiere, assemblea del mondo della formazione: mobilitazione permanente dentro e fuori dalle scuole verso il No Gelmini Day dell’8 ottobre.

Mercoledì 29 settembre: Appuntamento europeo di mobilitazione contro il processo di Bologna, in difesa della scuola pubblica. Nelle scuole, nelle vie, nelle piazze dappertutto e tutto il giorno verso il No Gelmini Day dell’8 ottobre.

Venerdì 8 ottobre: NO GELMINI DAY! CORTEO studentesco, tutti in piazza! h 9.30 L.go Cairoli

Data ultima modifica: 26 settembre 2012