LICEO SEVERI: Solidarietà agli studenti

Milano: provocazione neofascista al Liceo Severi

Davanti al Liceo Scientifico Severi, istituto nel quale l’ANPI della zona 8 ha promosso un incontro con i ragazzi, è comparso uno striscione con la scritta “Basta ANPI nelle scuole” a firma dei neofascisti del Blocco studentesco.

Ribadiamo con fermezza che l’ANPI Provinciale di Milano non si farà intimidire da questi messaggi provocatori e che continuerà la sua instancabile azione nelle scuole, per spiegare ai ragazzi cos’è stato il fascismo e quali sciagure ha provocato non solo in Italia, ma in Europa e nel mondo intero.

Non è più tollerabile che si ripetano, con frequenza sempre più intensa, nel nostro Paese e in particolare a Milano, città Medaglia d’Oro della Resistenza, manifestazioni di movimenti neofascisti e neonazisti che, perseguendo la politica della paura e della discriminazione, diffondono il virus della violenza, dell’intolleranza e dell’odio.

Chiediamo allo Stato di manifestare pienamente la sua natura antifascista, prefigurata nella Costituzione repubblicana, impegnandosi sul terreno della memoria e della conoscenza storica, sciogliendo, per legge, le organizzazioni neofasciste e neonaziste che si contrappongono ai principi della nostra Carta Costituzionale e alle leggi Scelba e Mancino.

Roberto Cenati – Presidente Anpi Provinciale di Milano

Questo è lo striscione che si sono trovati questa mattina gli studenti del liceo Severi.

Solidarietà alle ragazze e dei ragazzi del Severi, e alla sezione ANPI Codè-Montagnani Marelli che ha organizzato l’evento di stamattina.

Data ultima modifica: 20 aprile 2019